Home arrow Notizie arrow Avvisi arrow Lettera del Parroco (e avvisi dal 3 al 17 ottobre 2010)
Lettera del Parroco (e avvisi dal 3 al 17 ottobre 2010) Stampa
domenica 03 ottobre 2010
Prima di tutto l'ascolto. La liturgia è il libro dei poveri in spirito, di coloro che non inventano parole. La liturgia è ciò che il popolo cristiano fedele segue, ripete, risponde. Per questo è l'ambito dell'obbedienza.
Carissimi,
iniziamo oggi il cammino del nuovo anno pastorale. Abbiamo ancora nel cuore la celebrazione in Cattedrale in cui il vescovo ci ha consegnato il mandato come operatori pastorali. Nella memoria di alcuni c'è anche l'adorazione eucaristica che abbiamo iniziato a fare il primo venerdì del mese.
Il nuovo anno pastorale si apre all'insegna del motto scelto dal vescovo "Dio educa il suo popolo" e del silenzio della notte in cui ci siamo prostrati davanti a Gesù Eucaristia.
Come si educa, come nasce la comunità cristiana? Dove troviamo gli spunti per crescere insieme? Dall'ascolto, dall'obbedienza della Liturgia, dell'Agape, del fraterno incontro nel giorno del Signore.
Vogliamo ricordarci all'inizio dell'anno pastorale questa priorità eucaristica nella nostra vita. Come potremmo coltivare uno sguardo di benedizione e non di lamentela? Come potremmo non soccombere ai tanti impegni che ci prendiamo in questi giorni? Come resistere alla tentazione di costruirci all'interno delle relazioni comunitarie un nido personale che escluda le persone scomode?
L'educazione che nasce dal gesto comune dell'Eucaristia è il punto centrale, irrinunciabile per imparare a ringraziare di tutto, per mettere l'azione di Dio sopra e prima della nostra, per educarsi alla missione.
Ma come potremo vivere appieno questo segno? Cosa ci chiede la liturgia?
Sicuramente non basta la presenza fisica. Anzi soprattutto chi è abituato a calpestare gli atrii del Signore rischia più fortemente di mancarvi di rispetto. Sono io il primo ad ammettere che non sempre riesco ad essere attento alla presenza di Gesù nel pane della parola, dell'Eucaristia e dei poveri.
Occorre la presenza attiva e consapevole (SC 7).
Lasciamoci educare dalla Messa. Prestiamo attenzione. I minuti che precedono la celebrazione devono essere di raccoglimento e di preghiera personale e silenziosa. Al termine della celebrazione si conviene un clima di festa. Mi piace molto fermarmi con voi sul sagrato della Chiesa, anche se a volte vedo che molti avrebbero piacere di inseguirmi in sacrestia.
Lo spazio della sacrestia invece è possibilmente riservato alla preghiera personale del sacerdote e non dovrebbe essere disturbato da altre occupazioni, così come quello della chiesa è riservato se possibile alla preghiera della comunità e dei singoli.
È chiaro che quando il maltempo non lo permette si potrà anche rinunciare alla solita festa insieme per magari ritrovarsi a piccoli gruppi e condividere il vissuto della settimana.
Mi piacerebbe che all'uscita della Chiesa si potesse vivere uno scambio intenso di esperienze cristiane soprattutto tra chi non lavora pastoralmente nel medesimo ambito e magari può avere prospettive diverse.
Personalmente cerco di salutare tutti con un bel sorriso, per condividere la gioia di aver celebrato la risurrezione del Signore.
Il silenzio dunque e l'obbedienza alla liturgia ci aiuta ad iniziare bene quest'anno. Obbediamo alla Liturgia e il Signore ci custodirà nel suo amore.

Don Davide

icon Scarica la lettera del Parroco completa degli avvisi dal 3 al 17 ottobre 2010 (191.89 kB)
 
< Prec.   Pros. >

Chi e' online