Home arrow Notizie arrow Avvisi arrow Lettera del Parroco e avvisi (settimana dal 7 al 14/02)
Lettera del Parroco e avvisi (settimana dal 7 al 14/02) Stampa
domenica 07 febbraio 2010
Carissimi,
Si avvicina per la nostra comunità "bi-parrocchiale" una data importante. È con trepidazione che vi annuncio che domenica 21 febbraio, prima domenica di quaresima, si riunirà per la prima volta un consiglio di unità pastorale.
Da alcuni anni sentiamo parlare di unità pastorali.
Grazie alla solerzia di don Libero, vicario foraneo, tutte le parrocchie del nostro (piccolo) vicariato hanno potuto sperimentare quanto sia prezioso e arricchente aprirsi all'orizzonte della chiesa/rete di parrocchie; da tempo ormai risuona il monito dei nostri vescovi: "è finita l'era della parrocchia autosufficiente"!
Da ultimo lo scorso giugno è stato approvato in modo ufficiale il direttorio sulle unità pastorali che ci spinge ad interrogarci profondamente su cosa sia la comunione nella chiesa. "I cambiamenti in atto determinano in modo nuovo il nostro essere comunione e la nostra azione pastorale nel territorio [...] La sfida delle Unità Pastorali è perciò rivolta a tutti affinché si sentano impegnati a cambiare il modo di annunciare il Vangelo, di costruire la comunità e di essere presenti nella vita della gente" (Direttorio, p.12).
Constatiamo con dolore come sempre di più la società moderna si caratterizza per una incapacità nella trasmissione della fede in famiglia, la presenza dei cristiani nella vita della gente sia sempre più marginale, ... a tal punto che riecheggia l'ammonimento del Signore "se il sale perde il sapore con cosa si potrà salarlo? Sarà calpestato dagli uomini!".
Come invertire questa tendenza? Il direttorio ci invita a trovare nuovi modi per annunciare il Vangelo.
E' questo il motivo che ci spinge in questa Quaresima a prendere in mano, come Unità Pastorale, la bella enciclica Evangelii Nuntiandi di Paolo VI.
Proprio l'incontro di domenica 21 ci aiuterà a prenderla in mano e a chiedere al Signore di illuminarci la strada che ci porterà a rinnovare il nostro modo di essere chiesa alla Cava, a Villagrappa e a Villanova.
Dall'enciclica metto in evidenza per ora due punti:
- la testimonianza cristiana è innanzitutto una testimonianza di vita vissuta, di solidarietà e di carità, ma tutto questo resta insufficiente a lungo andare impotente se non è illuminata, giustificata, esplicitata da un annuncio chiaro e inequivocabile del Signore Gesù. (EN 22). Riusciamo ad arrivare a questo annuncio o ci perdiamo nel livello umanamente più gratificante della pre-evangelizzazione?
- l'evangelizzazione dei giovani deve essere fatta dai giovani (EN 72). L'impianto della pastorale giovanile e dell'iniziazione cristiana spesso invece rimane al livello della formazione, e ai nostri giovani viene raramente suggerita la necessità di arrivare a questo momento missionario esplicito. Come uscire dalla sindrome del giovane cristiano eternamente timido?
In queste settimane non mancheranno le iniziative parrocchiali mirate a risvegliare la sensibilità missionaria. Chiediamo al Signore di perseverare su questa strada perché nei nostri quartieri si avvii un processo di nuova evangelizzazione tanto auspicato da Giovanni Paolo II.

Cordialmente,
Don Davide

icon Scarica gli avvisi della settimana dal 7 al 14 febbraio (76.54 kB)
 
< Prec.   Pros. >

Chi e' online